Rassegna stampa (dal Festival) del 9/04/2017

In studio, da via Mazzini, Gabriele Genah e Selene Rinaldi.

Annunci

Trump e la stampa Usa: al lavoro e non in guerra

di Andrea Caruso

“We are not at war with Trump administration, we are at work”. Cameron Barr cita il collega Marty Baron, executive editor del Washington Post, per sintetizzare quanto l’elezione di Donald Trump sia stata una vera e propria manna dal cielo per il giornalismo.
Un evento “positivo, almeno per i giornali” – dice il managing editor del Washington Post, ospite al Festival del Giornalismo 2017 – a giudicare dall’aumento di lettori e sottoscrizioni degli abbonamenti che i grandi gruppi editoriali americani hanno vissuto all’indomani dell’elezione del tycoon alla Casa Bianca. Continua a leggere “Trump e la stampa Usa: al lavoro e non in guerra”

I benefici delle cooperative di giornalisti

di Francesco Bonaduce

Una nuova generazione di cooperative giornalistiche – Crisi dei grandi editori tradizionali e libertà di stampa. Ma anche credibilità dei media e rapporto con i lettori. Tanti i temi del panel “Una nuova generazione di cooperative giornalistiche”. Un modello alternativo (e finora di nicchia) di fare informazione, dove sono gli stessi giornalisti a prendere le decisioni, a volte assieme ai propri lettori. Quella delle cooperative di giornalismo è anche una dura lotta per la sopravvivenza e una continua sfida per tutelare se stesse e chi vi scrive.

Continua a leggere “I benefici delle cooperative di giornalisti”